Questo blog é ospite di una piattaforma gestita da Google. Per la gestione dei "cookies" l'utente può far riferimento alle policies del gestore Google.


"Sto diventando un po' troppo critico per potermi illudere ulteriormente di avere qualche talento" - F. Nietzsche


"Musica est exercitium aritmaeticae occultum nescientis se numerari animi“

- G.W. Leibniz


"I pecoroni non vogliono diventare padroni del loro lavoro!" - C.T.


"Tutta la musica è contemporanea."

martedì 27 dicembre 2011

LA MUSICA CONTEMPORANEA E' MORTA.


"La musica contemporanea è morta."
Mi rendo conto che un titolo così, senza nemmeno il  punto interrogativo finale,  tanto per cominciare suona provocatorio. Innanzitutto per la sua genericità (quale "musica contemporanea"? In quali paesi?) e poi per il suo tono apodittico, tranchantNon ho qui l'intento, ne' abbastanza Esprit de géométrie, per parafrasare con argomenti completi e soddisfacenti la famosa, analoga sentenza emessa a suo tempo da Boulez riguardo Arnold Schoenberg e la sua musica. Ma chi vorrà leggere fino in fondo si accorgerà come il titolo sia una deliberata provocazione che precede un accorato appello all'ottimismo della volontà, ad onta del pessimismo della ragione. 

venerdì 23 dicembre 2011

Antropologia del giovane direttore d'orchestra: Genio o "Idiot Savant" ?



‎"In una grande città tedesca viveva un malato di mente, figlio di genitori agiati, che si fissava di essere un geniale direttore d'orchestra. Per curarlo, la sua famiglia gli scritturò l'orchestra migliore e gli diede la possibilità di dirigere la 5° Sinfonia di Beethoven. Anche se il giovane era un profano della più bell'acqua, l'esecuzione non risultò peggiore di tante altre esecuzioni correnti. Infatti l'orchestra, che sapeva suonare il pezzo a occhi chiusi, non si preoccupò affatto degli attacchi sbagliati dati dal dilettante, e la sua (di quest'ultimo) follia si trovò confermata." 
Th.W. Adorno - Introduzione alla sociologia della musica, cap. 7